Come avviare il mining ora? 3 soluzioni pronte per voi

Come avviare il mining ora? 3 soluzioni pronte per voi

La crescita del mining di Bitcoin è iniziata nel 2010. Entro il 2013, il mining di Bitcoin è diventato inutile anche con i più potenti server di mining basati su processore semplice. Il mining è la prerogativa di grandi aziende con grandi potenze di calcolo, o i nuovi arrivati ed i singoli miner hanno ancora la possibilità di guadagnare un po’ dell’oro digitale?

All’inizio diverse schede video potevano generare bitcoin. Oggi, anche i dispositivi di calcolo specializzati nel mining, venduti su E-bay, non garantiscono un successo veloce. Ottenere blocchi senza grande potenza di calcolo è quasi impossibile. Anche collegarsi ad un pool può richiedere tempo. Un’altra opzione è generare altcoins per una successiva conversione in bitcoin. Benché questa opzione sia di tipo piuttosto speculativo.

Qualcuno potrebbe chiedersi se il noleggio di un server virtuale possa essere una soluzione? Probabilmente sì, ma costerà denaro. Il pagamento dell’uso del cloud è calcolato in base al consumo effettivo. In questo caso si può perdere denaro invece di ottenere un profitto. Un’altra questione è la significativa crescita dei prezzi delle schede video a causa della forte domanda. Il numero di miners, presenti sul mercato, cresce in proporzione alla quantità di altcoins che appaiono ogni giorno.

Quindi, se siete ancora decisi di fare il mining, dovete fare alcuni calcoli: non dovete solo concentrarvi sulla quantità di denaro che spenderete sulle schede video, ma anche sul consumo di elettricità e sulla quantità di tempo che si dovrà dedicare per costruire la farm. Forse vale la pena dare un’occhiata alle aziende che offrono soluzioni pronte, ad esempio configuratori di stazioni di mining.

Il cloud mining è consigliato per i principianti. Il cloud mining è un servizio di mining previsto per operazioni di pagamento (le aziende fanno il mining per voi e voi ricevete i premi). Operazioni di mining pool sono per “minatori” esperti. I mining pool suggeriscono alle persone che dispongono di hardware adatto al mining, di dividere i profitti. I mining pool possono essere privati ed aperti ad operazioni di unione.

Di seguito ci sono tre popolari mining pool ai quali potreste voler dare un’occhiata.

Sluch

(Repubblica Ceca)

Slush è una delle migliori e più popolari mining pool, nonostante non sia uno dei più grandi. È anche il primo mining pool ed è di proprietà della SatoshiLabs. È adatto ai principianti, ed al quale è facile associarsi. Dovrete registrare un account, configurare il vostro software di mining per puntare la potenza di calcolo di hash del proprio hardware su Slush Pool ed inserire il vostro indirizzo di portafoglio Bitcoin per i pagamenti. Slush Pool addebita il 2% di tutti i versamenti.

Antpool

(Cina)

AntPool è di proprietà di Bitmain, una società di hardware di mining con sede in Cina. È noto per essere il più grande mining pool del mondo. È stato il secondo mining pool ad emergere dopo Slush nel 2014. L’adesione ad AntPool è gratuita e l’azienda non prende commissioni sulle transazione. Qualunque persona dovrà acquisire l’hardware per il mining di Bitcoin, scaricare il software di mining e registrarsi. Il pool che si utilizza impone il tipo di protocollo Bitcoin che il proprio hardware deve utilizzare.

BTCC mining pool

(Cina)

Un altro grande giocatore sul mercato è BTCChina Pool. BTC China è uno dei maggiori operatori di scambi di bitcoin della Cina. L’azienda offre diverse soluzioni digitali come il portafoglio, la stampa fisica di Bitcoin ed altro ancora. È facile aderire a BTCC perché il vostro hardware per il mining può collegarsi facilmente al pool BTCC. L’azienda prende il 2-3% di commissioni sulle transazioni e condivide le spese di transazione di Bitcoin con i suoi miner. BTCC divide equamente le spese di transazione tra i suoi miner, proprio come divide i premi.



RECOMMENDED ICOS